Crea sito

LEZIONE 1A: L'ALFABETO E LA PRONUNCIA (1a PARTE)

In francese l’alfabeto (ALPHABET ) è composto da 26 lettere.
Se ne illustra qui di seguito la denominazione scritta in francese, con accanto la pronuncia italiana:


                         Nome in francese                 Pronuncia italiana

A                         a                                                      a
B                         bé                                                    be
C                         cé                                                    se
D                         dé                                                   de
E                         e                                                       e
F                         effe                                                  ef
G                        gé                                                     je          
H                       hache                                             ash
I                           i                                                       i
J                          ji                                                      ji                        
K                         ka                                                   ca
L                         elle                                                 el
M                        emme                                           em
N                         enne                                              en           
O                         o                                                      o                  
P                         pé                                                     pe                                          
Q                         ku                                                    chiu
R                         erre                                                 er
S                         esse                                                 es
T                         té                                                      te
U                         u                                                       iu
V                         vé                                                     ve
W                        double vé                                     dubl ve
X                         ixe                                                    iks
Y                         i grec                                               i grec
Z                         zède                                                 zed


In francese tutte le lettere (LETTRES) sono MASCHILI, a differenza dell’italiano.

Si pronunciano tutte come in italiano, ad eccezione di: C, E, G, H, J, L, Q, R, U, X e Z. Vediamo perché:

C

- Quando la “C” precede la I o la E si pronuncia come una “s” sorda come nell’ italiano “sabato”.

                                          ES.  Citron    (PRON. sitròn)          IT. limone

- Se invece precede A, O o U oppure una consonante si pronuncia come una “K”. 

                                 ES.  Cabine     (PRON. kabìn)           IT.  cabina
                                          Coq           (PRON. kok)               IT.  gallo
                                          Actif          (PRON. aktìf)            IT. attivo

- Davanti alle tre vocali A, O e U la “C” si pronuncia “s” sorda solo se scritta in questo modo: "Ç".  Il segno sotto la “C” si chiama “Cédille” (PRON. sedì).

                                      ES. François  (PRON. Fronsuà)     nome proprio

-  Anche quando finale di parola, la “C” si pronuncia ugualmente come una “K":

                                    ES.  Sac  (PRON. sak)           IT.  sacco, borsa
                                           Marc  (PRON. Mark)              nome proprio

- Se invece è finale di parola preceduta dalla N, non si pronuncia affatto.

ES. Blanc    (PRON. blon)    IT. bianco

- La doppia C (CC), davanti alla E e alla I, si pronuncia come una "X":

                                           ES. Accepter (PRON. Axepté)       IT. Accettare

Mentre la doppia C davanti ad A, O e U si pronuncia sempre come una "K":

ES. Accuser  (PRON. Akkiusé)        IT. Accusare

- CH si pronuncia “SC” come nell’italiano “SCIARPA”.

                                          ES. Charmant  (PRON. sciarmòn)      IT. affascinante, incantevole

                     

- Quando è inserita all’interno di una parola, priva dell’accento, la “E” NON si pronuncia.

ES. Allemand (PRON. Almòn)   IT. tedesco

- Allo stesso modo, la “E” NON si pronuncia quando finale di parola:

                        ES. Mandarine (PRON. mandarìn   IT. mandarino

- La "E" si pronuncia quando viene accentata. In quel caso, la “E” può presentare due tipi diversi di accento grafico:

           é       accento acuto      Il suono è chiuso (come nell’italiano “vetro”)
           è       accento grave      Il suono è aperto (come nell’italiano “vento”)

- La "E" priva di accento, quindi, generalmente non si pronuncia. Però può essere pronunciata in alcune occasioni. Si veda quali IN FONDO ALLA PAGINA.

G        

- Quando precede la E o la I, la “G” si pronuncia come la “J” di “Fujiyama”.

ES.   Genou    (PRON. jenù)          IT. ginocchio

- Quando precede A, O e U oppure una consonante si pronuncia con un suono gutturale come nell’italiano “GATTO”.

ES.       Gascogne   (PRON. Gascogn)                IT. Guascogna

- Quando finale di parola, generalmente è preceduta da N, e allora non si pronuncia:

                                         ES.      Sang         (PRON. son)     IT. sangue

- Le sillabe GUE e GUI si pronunciano rispettivamente GHE e GHI.

ES.    Guerre    (PRON. Ghèr)              IT. guerra

Attenzione!  “GUE” finale di parola si pronuncia “G” gutturale anziché “GHE”.

ES. Morgue  (PRON. morgh)         IT. obitorio

- GN si pronuncia come in italiano.

ES. Oignon  (PRON. uagnòn)         IT. cipolla

- La sillaba GLI si pronuncia come nella parola italiana "glicine", ossia con lo stesso suono gutturale delle sillabe GLA, GLE, GLO e GLU:

ES.  Glisser  (PRON. glissé)                   IT. scivolare

H                       

La “H” in francese è sempre muta, tranne che in alcune eccezioni, costituite dalle parole (se ne citano giusto alcune):

- HAMAC            (amaca)
- HALLE             (mercato al coperto)
- HÉROS             (eroe)
- HASARD          (caso)
- HAINE               (odio)          
- HUTIN              (attaccabrighe)
- HOQUET         (singhiozzo)
- HACHE            (ascia)

J                      

- La “J” si pronuncia sempre come nel giapponese “Fujiyama”, qualunque sia la vocale da cui è seguita.

ES. Jardin    (PRON. jardèn)        IT. giardino
            Jérôme    (PRON. jeròm)      nome proprio

- In “JE” + A la “e” è muta.

ES. Jean   (PRON. jàn)          nome proprio

                     

Si pronuncia come in italiano, tuttavia…

- Se posta tra un dittongo e una consonante come la T o la D, la “L” non si pronuncia.

ES. Perrault    (PRON. Perrò)         nome proprio

-  LL preceduta dalla “I” si pronuncia semplicemente " I ".

ES.  Caillou             (PRON. kaiù)         IT. sasso

- ILLE finale di parola si pronuncia, a seconda dei vari accenti francesi,  “I” oppure “IE” con la “E” molto chiusa. Fanno eccezione le parole « VILLE » (città), "MILLE" (mille) e "TRANQUILLE"  (tranquillo/a) in cui la LL si pronuncia come una L singola, e la E finale è muta.

                                         ES.  Grenouille      (PRON. grenùi o grenùie)      IT. rana
                                                   Famille           (PRON. famì o famìe)         IT. famiglia

- Lo stesso accade quando la L singola, finale di parola, è preceduta da vocale + "I”: si pronuncia "I" oppure "IE" con la E molto chiusa.

ES.   Fauteuil  (PRON. fotèi)         IT. poltrona

Se infatti preceduta da consonante + "I", la L si pronuncia come in italiano, come nella parola:

Avril  (PRON. avrìl)                 IT. aprile

Q        
              
- QU + una vocale si pronuncia sempre come una K + vocale.

ES. Québec   (PRON. kebèk)          Nome proprio

- QUE o QUES finali di parola si pronunciano “K”.

ES. Monique  (PRON. Monìk)     Nome proprio

- Quando finale di parola, la "Q" si pronuncia come una "K".

                                                ES. Coq       (PRON. Kok)            IT. gallo

R                       

La “R” francese ha un suono come in tedesco, simile ad una " erre moscia".

U                       

La “U” si pronuncia sempre “IU”.

X                      

La “X” si pronuncia"CS" come in tutte le altre lingue. Si pronuncia “GS” (e non “CS”) solo quando iniziale di parola.

                              ES. Xavier   (PRON. Gsaviér)       Nome proprio

Solo quando compare all’interno di una cifra, si pronuncia “S” sorda.

                                       ES.    Soixante    (PRON. soissònt)      IT. Sessanta
                                                   Six              (PRON. siss)               IT. sei

Quando finale di parola, nei vocaboli singolari o plurali, non si pronuncia.

                                       ES.     Prix        (PRON. pri)             IT. prezzo

Si pronuncia però nei nomi propri:

ES.     Félix   (PRON. Felìx)     Nome proprio

   
                 
La “Z” si pronuncia sempre con un suono simile a una “s” dolce come in inglese, o come nell’italiano “rosa”.

L'accentazione della "E"

La "E" non accentata, in francese NON VIENE PRONUNCIATA.

Amie (amica)   → PRONUNCIA: Amì

Matelot (marinaio) → PRONUNCIA: Matlò

Per essere pronunciata, deve presentare un accento grafico, acuto o grave.

Amitié (amicizia)   →  PRONUNCIA: Amitié

Napoléon (Napoleone)   →    PRONUNCIA: Napoleòn

Égal  (uguale)  →     PRONUNCIA: Egàl

Altrimenti è sempre muta:

Médecin (medico)   →      PRONUNCIA: Medsèn

Tuttavia, ci sono dei casi in cui, seppur non accentata, la "E" continua a essere pronunciata:

Brebis (pecora)     →        PRONUNCIA: Brebì

Espagne (Spagna)  →      PRONUNCIA: Espagn  (si pronuncia la prima "E", non la seconda)

Olivier (nome proprio)   →    PRONUNCIA: Olivié

La ragione è che l'accentazione grafica, in francese, non viene mai utilizzata nei seguenti casi:

1) quando la "E" precede la S impura (cioè S + consonante):

Espagne, espèce, espace                (Spagna, specie, spazio)

2) quando la "E" precede la X:

Extra, exotique, extrémité           (extra, esotico, estremità)

3) quando la "E" precede la doppia R:

Guerre, terre, terrible, serrer              (guerra, terra, terribile, serrare)

4) quando la "E" precede la R singola finale di parola:

Parler, aimer, amer, papetier             (parlare, amare, amaro, cartolaio)

5) quando la "E" è compresa nel dittongo EN o EM:

Prendre, attendre, cendre                (prendere, aspettare, cenere)

Empire, empereur                  (impero, imperatore)

6) quando la "E" è compresa nel dittongo EU, OEU o EI:

Fauteuil, Oeuvre          (poltrona, opera)

Seine, reine            (Senna, regina)

7) nelle parole MONOSILLABICHE:

Sel, mer, mes, des, le, les, mes, ces, ce/cet   (sale, mare, dei/delle, il/lo, i/gli/le, miei/mie, questi/e, questo)

Vi sono tuttavia alcune eccezioni come l'avverbio très (molto) oppure dès (fin da, non appena). Quest'ultimo è accentato non solo per indicarne la pronuncia ma per distinguerlo dall'articolo determinativo plurale "des".

8) quando la sua pronuncia è sottintesa altrimenti la parola sarebbe difficile da pronunciare (per esempio prima di una doppia consonante, ma non solo):

Brebis, presserlettre, mettre        (pecora, pressare, lettera, mettere)

In tutti questi casi la E si pronuncia ma non viene scritta accentata.

Vai anche al seguente link http://francesefacile.altervista.org/alfabeto-e-pronuncia-2.html per trovare la seconda parte della lezione sulla pronuncia delle parole in francese.

Informazioni sulla pronuncia delle lettere in francese sono reperibili anche alla pagina http://francesefacile.altervista.org/blog/fonetica/ del blog associato al sito internet.